<%@LANGUAGE="VBSCRIPT" CODEPAGE="1252"%> Fondo Renzuno di Mezzo - Fratelli Poggi
Fondo renzuno di Mezzo  
Abboccato
Vino dal sapore dolce per la presenza di zuccheri residui che il processo di fermentazione non ha trasformato in alcol.

Acetato di etile
Composto risultante dalla combinazione di un acido con un alcol. E’ presente soprattutto nei vini rossi.

Acetico
Difetto di un vino lavorato o conservato male in cui si avverte il sapore d’aceto.

Acidità
E' l'insieme degli acidi del vino. Al loro aumentare cresce la salivazione prodotta dall'assaggio.

Acidulo
Caratteristica di un vino giovane e vivace. Oltre una certa soglia il vino diventa disarmonico e il tono acidulo prevale sugli altri sapori.

Acino
Bacca che forma il grappolo d’uva. La buccia contiene le sostanze aromatiche e coloranti, la polpa costituisce il succo, i semi contengono il tannino.

Acre
Vino aspro all’olfatto e al gusto. La causa del difetto è imputabile ad un eccesso di tannino e di sostanze acide.

Acuto
Vino che colpisce l’olfatto in modo immediato e pungente.

Additivi
Per la conservazione è consentito l’uso della sola anidride solforosa.
E’ vietato l’uso di zucchero.

Addizionato
Vino a cui sono state aggiunte sostanze (zuccheri o acidi) al fine di raggiungere determinate caratteristiche organolettiche (in conformità con le leggi vigenti).

Areazione
Lavorazione utilizzata durante la fermentazione con lo scopo di moltiplicare i lieviti aerobici per aiutare la trasformazione in alcol degli zuccheri. Viene effettuata con il travaso o il riciclo del vino.

Affinamento
Le pratiche messe in atto per consentire al vino di percorrere tutte le fasi per trasformarsi in un prodotto equilibrato.

Affumicato
Aroma percepito in determinati vini. Detto anche “fumo di legna”.

Aggressivo
Vino con gusto amaro o acidità elevata.

Allappante
Difetto dovuto ad un’elevata quantità di tannino. Si manifesta come un vino che lega in bocca lasciando una sensazione simile a quella data da u frutto acerbo.

Amabile
E' un vino tra l'abboccato ed il dolce per la presenza di zuccheri non trasformati in alcol.

Amarognolo
E' la sensazione lasciata da alcuni vini dopo la degustazione. Sapore che caratterizza vini sia bianchi che rossi avvertito al passaggio del liquido nel retrobocca.

Ammandorlato
Quando il dolce e l’amaro si trovano in equilibrio.

Ampio
Sapore o profumo di un vino. Indica armonia e persistenza.

Anidride carbonica
Prodotta dalla trasformazione degli zuccheri in alcol durante la fermentazione del mosto. Utile per dare gusto ai vini frizzanti, indispensabile per la presa di spuma dello spumante o dello champagne.

Anidride solforosa
Ha la capacità di prevenire l’ossidazione e agevola la chiarificazione del vino. La quantità d’anidride solforosa è rigidamente fissata dalla legge.

Asciutto
Indica un vino perfettamente fermentato che contiene minime tracce di zucchero.

Annata
Anno in cui è stato effettuata la vendemmia delle uve e stabilisce quindi l’età del vino.

Appassimento
Processo di disidratazione dell’uva che consente di aumentare la concentrazione degli zuccheri.

Archetti
Linee curve lasciate dal vino all’interno del bicchiere quando viene fatto roteare.

Aroma
Percezione dell’olfatto che arriva per vie retro nasali durante la deglutizione.

Asciutto
Sensazione astringente al palato che dopo la deglutizione rimane pulita e asciutta.

Asprigno
Vino eccessivamente acido, generalmente risultato di uve non mature.

Avvinamento
Pratica enologica che consiste nel bagnare con vino o mosto le superfici interne dei vasi vinari, ma anche i bicchieri, le bottiglie o gli strumenti di laboratorio) allo scopo di eliminare eventuali odori residui o impurità. In degustazione l'avvinamento viene effettuato con una piccola quantità del vino che si dovrà degustare, sui bicchieri nuovi o che abbiano già contenuto vini di diversa tipologia (ad esempio passando da un vino bianco a uno rosso o a un passito).

Barrique
Botte tipica della regione di Bordeaux in rovere e con capacità di 225 litri uutilizzata per l’invecchiamento ed evoluzione del vino.
L’invecchiamento del vino in botti di tale capacità permette una maggiore ossigenazione de contenuto, in virtù del rapporto volume/superficie, con una maturazione più rapida del vino.Da barrique deriva il corrispondente termine barricato.
Piccola curiosità: dall’utilizzo di barriques, riempite di terra e detriti, per creare barricate in strada durante la Rivoluzione Francese, deriva il termite italiano barricata.

Botte
Contenitore di legno usato per l’invecchiamento dei vini.

Bouquette
Insieme delle sensazioni offerte all’olfatto da un vino

Brillante
Vino limpido che riflette la luce.

Brut
Termine francese adottato per indicare un vino spumante particolarmente secco.

Classico
E' la specificazione attribuita dalla legge a taluni vini delle zone storiche di produzione.

Caldo
Vino di buon livello alcolico.

Cappello
Strato di vinacce che salgono in superficie al mosto durante la vinificazione in rosso. Il cappello viene spinto verso il basso per evitare il contatto con l’aria che potrebbe avviare un processo d’acetificazione.

Chiarificazione
Operazione effettuata sul vino per renderlo limpido (tramite sostanze naturali quali l’albume d’uovo, la colla di pesce o altro).

Corpo
E' l'insieme degli elementi che costituiscono il vino, come ad esempio l’alcool e, al loro aumentare, cresce anche il corpo. Costituzione complessiva di un vino con acidità, colore, tannino e alcol in perfetta armonia. Ha lo stesso significato di struttura.

Corto
Vino di scarsa intensità sia all’olfatto, sia al palato.

Decantazione
Trasferimento di un vino invecchiato da una bottiglia alla caraffa con lo scopo di ossigenarlo e di separarlo dai sedimenti.

Demi-sec
Spumante con aggiunta di liqueur d’expédition.

Disarmonico
Vino dotato di squilibrio tra le sue componenti.

DOC
Denominazione di Origine Controllata fissata dalla normativa.
Indica la zona di origine delimitata della raccolta delle uve per la produzione di vini e viene assegnato ai vini di qualità e rinomati, le cui caratteristiche sono connesse all’ambiente naturale e ai fattori umani. La dicitura aggiuntiva “Superiore” è attribuita ai vini che hanno una gradazione alcolica più elevata rispetto a quella prevista dal disciplinare.
La dicitura aggiuntiva “Superiore” è attribuita ai vini che hanno una gradazione alcolica più elevata rispetto a quella prevista dal disciplinare.

DOCG
Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Denominazione dei vini per la cui produzione sono fissati controlli severi e limitativi. Certifica l’origine e la qualità del vino.
Per denominazione di origine controllata dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata. Questo termine viene utilizzato per disegnare un prodotto di qualità e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse all’ambiente naturale e ai fattori umani.

Fermentazione alcolica
Processo che avviene nel mosto dell’uva appena pigiata, con la trasformazione delle sostanze zuccherine in alcol.

Follatura
Operazione consistente nello spingere nel mosto il cappello.

Fragranza
Sensazione percepita sia dall’olfatto sia dal gusto nell’esame di un vino.

Fruttato
E' il profumo di frutta matura presente in molti vini. Sensazione all’olfatto e al gusto di frutta, caratteristica dei vini bianchi.

Generoso
Vino dotato di un buon livello alcolico.

Giovane
E' un vino vicino al periodo di produzione.

IGP
Indicazione Geografica Protetta.
Terminologia che identifica vini da tavola prodotti in determinate regioni o aree geografiche secondo un generico disciplinare normativo di produzione.

IGT
Indicazione Geografica Tipica.
Terminologia che identifica vini da tavola che possono riportare sull’etichetta, oltre all’indicazione del colore, anche l’indicazione del o dei vitigni utilizzati e l’annata di raccolta delle uve.

Leggero
E' un vino di bassa gradazione alcolica.

Metodo classico
E' il sistema di produzione dei migliori spumanti. Prevede la rifermentazione del vino in bottiglia.

Morbido
Indica un vino che offre una sensazione " carezzevole ".

Nerbo
Caratteristica di un vino dalla struttura equilibrata.

Novello
Vino dell'ultima raccolta. E' profumatissimo e deve essere consumato in un tempo ristretto.

Ossidazione
Provocata al vino dall’eccessivo contatto con l’ossigeno che ne altera il gusto e il colore.

Passito
Vino da uve bianche o rosse pigiate dopo un periodo d’appassimento dei grappoli sulla pianta, su graticci, su stuoie, o appesi in locali ventilati. Il risultato è un vino dolce, d’alto grado alcolico. La pigiatura avviene tra Novembre e Gennaio.

Perlage
Termine che indica le bollicine di anidride carbonica.

Pungente
Vino che trasmette al palato una sensazione di calore.

Ruvido
Vino che trasmette al palato una sensazione aspra.

Riserva
Un vino sottoposto ad un determinato invecchiamento prima di essere imbottigliato.

Sapido
Un vino che offre al palato una sensazione di salinità combinata a note acidule provocate da un’uva proveniente da terreni ricchi di sali minerali.

Secco
Indica un vino che dopo la fermentazione non contiene più alcuna traccia di zuccheri.

Struttura
Ha il medesimo significato del termine corpo.

Superiore
E' il significato spesso analogo al termine riserva. Indica un vino non invecchiato, ma di gradazione maggiore rispetto alla minima fissata.

Terroir
Termine francese che non ha un corrispondente in italiano. Indica l’insieme delle caratteristiche geologiche, fisiche e climatiche del territorio in cui cresce la vite.

Tastevin
E’ il medaglione in argento da degustazione che veniva portato al collo dal sommelier. Il tastevin attualmente non viene più utilizzato, in quanto è stato sostituito da bicchieri in cristallo, dalle forme e dimensioni specifiche secondo il tipo di vino esaminato.

Vellutato
Un vino armonioso, che offre una sensazione carezzevole al palato.

Vinaccia
Composta dalle parti legnose del grappolo e delle bucce. Viene generalmente trasferita alla distilleria per la produzione della grappa. Costituisce i residui d’uva dopo la pigiatura ed estrazione del mosto.

Vivace
Un vino leggermente frizzante, gradevolmente acidulo.

VTD
Vino Da Tavola.

Fondo Renzuno di Mezzo - Fratelli Poggi